(Odero,).

Cantieri Navali Odero.

Genova –Foce. Genova-Sestri. Coi tipi Barabino e Graeve Saiga (1926 ca)

Album in oblungo ( 320x 435 mm), legatura coeva in cartonato rigido effetto pelle, al piatto superiore è inciso in oro il titolo  incorniciato da motivi floreali, dorso ornato da motivi floreali impressi a a secco, dentelle interne. Pp. (20) con storia dei Cantieri Sestri Ponenti, 3 tavole f.t ripiegate;16 Officine Sestri Ponente;18 Costruzioni navali marina Sestri Ponente;13 Costrruzioni Navali Marina da Guerra Sestri Ponente;21 Costruzioni Meccaniche Sestri Ponente;pp. (12) con storia Cantieri Navali Genova Foce; 2 tavole f.t ripiegate; 7 Officine Genova Foce;14 Costruzioni Navali Marina Mercantile Genova Foce;3 Costrruzioni Navali Marina da Guerra Genova Foce;10 Costruzioni Belliche dei due Stabilimenti. 99 complessive tavole fotografiche. 

Le origini dei cantieri navali Odero risalgono al 1846, quando i fratelli Westermann impiantarono un cantiere navale a Sestri Ponente. Nel 1926, la  società "Odero fu Alessandro e C." di Genova Sestri si trasformò nella "Cantieri navali Odero s.p.a."Molte delle iniziative in settori vicini,come la siderurgia o l'ingresso nella produzione di armi, furono  finalizzate a rafforzare la produzione di navi, e i Cantieri Odero diventarono un interlocutore privilegiato del potere politico e della grande banca mista. Questo rapporto garantì una continuità di commesse statali che, specialmente alla fine del primo decennio del ‘900, si rivelarono decisive per l'attività dei cantieri. L'occupazione si accrebbe di 400 unità tra il 1907 e il 1910 e Odero decise di ampliare il cantiere di Sestri costruendo due nuovi scali per navi delle massime dimensioni.  Impegnati nelle costruzioni belliche durante la Grande Guerra, i cantieri Odero della Foce e di Sestri Ponente entrarono in una fase di crisi nel corso degli anni '20, durante i quali furono realizzate poche navi, anche se di buona qualità, soprattutto militari, molte delle quali per le marine sudamericane, vedi l'Almirante Brown per la marina argentina, ultima nave costruita nel 1929 nel cantiere della Foce.

 

 

1.600