DE' MEDICI, Ferdinando II

Assieme di due lettere firmate.

datate 1632 e 1648, a) L.f., 1 p. in-4, Pisa 23 dicembre 1648, diretta a Francesco Carraia. «Ho ricevuto tanto volentieri (come) mio Paggio il nipote di V.S. con(siderando) le buone qualità di lui e per confermare a lei, anche con questa la mia continuata disposizione verso la sua Casa...». b)L.f., 1 p. in-4, 19 ottobre 1632, diretta al Cardinale S. Croce Legato di Bologna. «Essendo piaciuto a Dio di chiamare al Paradiso il Preg.mo Sig. Arciduca Leopoldo, Io mando in titolo mio Amb.re il Marchese Gio. Christofano Malespina Gentil h.o della mia Camera, à condolersi di questa grave perdita con la sig. Arciduch. Claudia mia zia, et dovendo passare per Bologna, gli ho commesso di venire a baciare le mani dell'Eminenza....» Ferdinando II, quarto Granduca di Toscana (1610-1670), figlio di Cosimo II e di Maria Maddalena d'Austria. Accusato di debolezza per aver fatto trascinare Gallileo a Roma di fronte al tribunale dell'Inquisizione nel 1633.
€ 450