STATUTA ALMAE URBIS ROMAE

auctoritate Gregorii Papae XIII Pont. Max. a Senatu, Populoque rom. reformata, et edita. (Segue, parte II:) Gratiae immunitates, & facultates...concessae.

Romae, in aedibus Populi Romani, 1580, 2 parti in un vol. in-folio, pp. (20), 210 (6, ult. 2 bb.); 88; leg. coeva p. perg. molle, tit. ms. al dorso. Stemma di Roma sul titolo, iniz. silogr., testo in car. tondo. Prima edizione degli Statuti riformati da Papa Gregorio XIII, il cui testo rimarrà in vigore fino al XVIII secolo. Dalla bolla papale, che precede, si viene a sapere che i sei libri degli antichi statuti furono ridotti a tre ed il testo fu corretto, riformato e adattato ai nuovi tempi dal giureconsulto Luca Peto. La seconda parte, che trovasi anche stampata a sé, contiene le ''Gratiae Immunitates & facultates per summos Romanos Pontifices Almae Urbi Romae Populoque Romano concessae'', cioè lettere apostoliche in favore di Roma, da quella di Bonifacio VIII (1303) a quella di Gregorio XIII (1574). Ottimo esempl., ben completo dell'errata corrige e del privilegio, con interessanti postille di mano coeva nei margini. (qualche lieve ingiallitura e aloni più marcati nell'angolo alto esterno). Cat. Senato VI, 131. Manzoni I, 420. Choix d'Olchki 18078.
€ 2.600