SANSOVINO, Francesco

Cento Novelle scelte da più nobili scrittori della lingua volgare. Con l'Aggiunta di cento altre novelle antiche...

Nelle quali piacevoli, et aspri casi d'Amore, et altri notabili avvenimenti si contengono...Di nuovo rivedute, corrette, et riformate in questa quarta impressione. Venetia, heredi Marchiò Sessa, 1571,

in-4, ff. (14), 245, (1b.), (6, di cui l'ult. bianco), 31, (1b.), legatura settecentesca p. perg. rigida, tit. oro al dorso. Impresa tipogr. al titolo, grandi iniziali silogr. ornate, 100 figure in legno nel testo, assai belle, grandi un terzo di pagina, ad illustrazione delle novelle. Benché sul titolo si dica "quarta impressione", in effetti trattasi della quinta che secondo il Gamba è anche la migliore (la prima era apparsa nel 1561). Precedono la dedica di Sansovino a Sigismondo de' Cavalli, "eletto oratore al Ser.mo Duca di Savoia", e "Un discorso fatto sopra il Decamerone", che appare qui per la prima volta, in cui Sansovino discorre sul titolo dell'opera, sull'intenzione e lo stile dello scrittore e sull'arte di scrivere le novelle. Alla maniera del Boccaccio, Sansovino organizza l'opera in dieci giornate, con dieci novelle ciascuna, ricavandole da vari autori, dei quali mai riferisce il nome. Gli ultimi 32 fogli contengono "Le Ciento Novelle antike". Bell'esemplare.

Gamba 2728 ''...tiene il posto di onore in una raccolta di Novellatori''. Passano, Novellieri Italiani, I, p,544.BMC 606.
€ 2.700