SENECA, Lucius Annaeus

De Benefizii. Tradotto in volgar fiorentino da messer Benedetto Varchi.

In Firenze, MDLIIII (in fine:) Stampati in Fiorenza, per Lorenzo Torrentino, stampator ducale, del mese di settembre l'anno MDLIIII (1554), in-4, pp. (8), 204 (2, privo dell'ultimo f. bianco). Leg. moderna in mezza pelle, titolo e fregi oro al dorso. Titolo entro elaborata bordura silografica con armi Medicee e veduta di Firenze, belle iniziali istoriate n.t. Prima edizione della libera traduzione del ''De Beneficiis'' senechiano ad opera del Varchi, celebre letterato fiorentino (1503-1565). Precede l'opera la dedica di Varchi alla Duchessa di Firenze Eleonora di Toledo, che commissionò la traduzione di quella che lo stesso Varchi definisce "fra tutte l'opere di Seneca...la più cristiana e più santa" (verso primo f.). Discreto esemplare di testo non comune (restauro nella parte centrale bianca del titolo, timbro antico nel margine, rinfrescato). Gamba 918. Annali Torrentino, 248-249: ''Originale, bella, e rara edizione''. Graesse VI, 356. Adams S-926 (altre ediz.).
€ 900