EUCLIDE

Degli elementi della geometria piana composti da Euclide megarese, e tradotti in italiano, ed illustrati da D. Pietro Di Martino.

Libri VI. In Napoli, a spese di Gennaro Alfano, 1774,

in-8, pp. (8), 264, legatura coeva in pergamena (restauri alle cuffie e al dorso), entro astuccio. Con antiporta inciso da Strina raffigurante i tondi delle varie discipline alla sommità delle quali si pone la teologia disponendosi in una sorta di suggestiva piramide della Conoscenza, ove ogni Arte e' illustrata con i suoi simboli, di carattere ermetico; al titolo e alla fine della dedica preliminare ritratti di Euclide e Achille, con 11 tavole geometriche f.t. alcune delle quali arricchite da animali e motti, raffiguranti curiose metafore del sapere. Insieme all'opera di Archimede e di Apollonio, gli ''Elementi'' di Euclide costituiscono la più alta espressione del periodo aureo della matematica greco-alessandrina; e questa scienza, fino allora considerata uno degli aspetti della filosofia, per la prima volta acquista con Euclide una propria indipendenza. Buon esemplare di curiosa edizione con riletture esoteriche dell'opera del celebre matematico.

€ 750