SANNAZARO, Iacopo

Del Parto della Vergine del Sanazaro libri tre, tradotti in versi toscani da Giovanni Giolito de' Ferrari.

In Venetia, appresso i Gioliti, 1588, in-4 (mm 214x156), ff. 74 n.n. (segn.: * 4, A-R 4, S 2), legatura moderna d'amatore in p. pelle, fregi a secco sui piatti, dorso a nervi. Edizione finemente illustrata e con pregevole veste grafica: una bordura a fregio vegetale inquadra tutte le pagine del testo, impresso in carattere corsivo; titolo con larga bordura e raffigurazioni di Giove, Pallade e Pax tratte dall'edizione delle Trasformazioni del Dolce (Giolito 1557); ciascuno dei tre libri, in cui è suddivisa l'opera, con una figura a piena pagina rispettivamente dell'Annunciazione, della Visitazione e della Natività, iniziali istoriate, testatine e finalini. Prima edizione della traduzione di Giovanni Giolito dell'opera latina del Sannazzaro (1456-1530). Poeta, libraio e stampatore attivo a Venezia nella seconda metà del XVI il Giolito condivise col fratello Giovanni Paolo la ditta del padre Gabriele. Compì studi a Padova, di letteratura e di religione influenzando così l'attività della stamperia. Ottimo esempl. Bongi, Annali, II 428. STC 605. Adams S-332.
€ 2.300