GALIANI, Ferdinando

Della Moneta libri cinque.

Edizione seconda. Napoli, Stamperia Simoniana, 1780,

in-8, pp. (28), 416, legatura coeva p. perg. rigida, tit. oro al dorso. Vignetta incisa da Raffaello Morghen al frontespizio, testatine ed iniz. silogr. Seconda edizione di questo fondamentale trattato economico di Galiani (1728-1787, inviato del Re di Napoli presso la corte parigina, e in contatto con molti dei fisiocratici). Questa edizione riporta un'interessante analisi comparata fra la situazione del Regno di Napoli all'epoca della prima ediz. nel 1750 ed al momento attuale; inoltre sono da segnalare le note nella parte finale del testo. La prima uscì a Napoli, Giuseppe Raimondi, 1750 (ma 1751). Opera di capitale importanza per la storia dell'economia, e in particolare per quella monetaria. Bell'esempl. marginoso (qualche rara lievissima ingiallitura).

Einaudi 2330.Cossa 41(113).Goldsmiths 8528. Kress Libr. 5034. Kress Ital. n. 269. Palgrave II, p. 178: ''He analysed the phenomenon of value...differing from the other systems known in his time in its theory of the basis of value... Pecchio, pp. 91-92: ''Fu uno dei primi a combattere il comune pregiudizio che l'alto prezzo delle cose fosse segno di miseria e calamità...l'abbondanza del denaro unita all'abbondanza delle cose, non solo dura, ma trae nuova gente, anima vieppiù l'industria...Finalmente egli fu tra i primi che portarono opinione che debba lasciarsi libero l'interesse del denaro, come pure il prezzo delle monete: La moneta si dovrebbe trattare come mercanzia''.
€ 2.600