FRACASTORO, Girolamo

Della Sifilide ovvero del Morbo Gallico, libri III.

Volgarizzati da Vincenzo Benini Colognese, a cui, oltre il testo latino, si aggiungono alcune annotazioni. Bologna, Lelio dalla Volpe, 1765,

in-8, pp. XX, 172, legatura coeva p. pergamena rigida, tit. oro al dorso. Vignetta inc. al tit. Pregevole edizione, col testo latino ed italiano, del famoso poemetto didascalico del medico veronese (1478-1553), dedicato alla terribile malattia che infieriva in Itali nel XV-XVI secolo. Chiamata mal francese dagli italiani e mal napoletano dai francesi, mentre è probabilmente di origine americana, ha in campo scientifico assunto il nome derivante dal personaggio principale di quest'opera, il pastore Syphilus. Il poemetto rivela una notevolissima conoscenza dei sintomi e del decorso del male, ed è documento di una cultura umanistica che vede anche la scienza attraverso un filtro di variazioni poetiche di gusto classico. Per la prima volta la sifilide veniva identificata in una malattia venerea e se ne indicava il mercurio come rimedio. Bell'esemplare.

Wellcome III, 51. Baumgartner-Fulton 50. Gamba 2244, note: ''(traduzione di V. Benini...che si tiene in maggior pregio degli antecedenti (traduttori)''.
€ 500