TASSO, Torquato

Discorsi. Dell'Arte Poetica, et in particolare del Poema Heroico. Et insieme il Primo Libro delle Lettere scritte a diversi suoi amici.

Venetia, ad instanza di Giulio Vassalini libraro à Ferrara, 1587, in-4, ff. (4), 108, leg. coeva piena pergamena molle, tit. ms. al dorso. Impresa del Vassalini sul tit., testatine, fregi ed iniz. silogr. Testo in car. tondo per i "Discorsi", in corsivo per le "Lettere". Dedica di Giov. Batt. Licinio a Scipione Gonzaga, patriarca di Gerusalemme. Prima edizione di questo trattato di estetica e di poetica, composto e "meditato" durante il primo periodo di creazione della "Gerusalemme Liberata" e, secondo il Solerti, letto all'Accademia Ferrarese non oltre il 1570. "Da essi, che trattano i tre punti della materia: invenzione, disposizione ed elocuzione, si detraggono i criteri dell'epica tassesca circa il contenuto che deve esser verosimile, meraviglioso, possibilmente a sfondo religioso, unitario e, quanto alla forma, strettamente aderente al concetto..." (Renda-Operti, Diz. storico della letteratura ital. p. 1127). La seconda parte del vol. contiene oltre quaranta "Lettere poetiche" del Tasso, per lo più a Scipione Gonzaga, e ad altri personaggi del tempo, tra cui Orazio Ariosto, Luca Scalabrino e Orazio Lombardelli, ed una lettera lunghissima (ff. 91-97) di quest'ultimo al Tasso. Ottimo esemplare. Tassiana Bergamo, n.29. Gamba 971, note. BMC 660. Adams T-228.
€ 1.600