ALTILIO, Gabriele

Epitalamio sopra le nozze di Giovan-Galeazzo Sforza, Duca di Milano, con Isabella d'Aragona, figliuola d'Alfonso II Re di Napoli;

tradotto elegantemente di latino in ottava rima per suo privato esercizio dall'Abate Giovam-Batista Carminati patrizio veneto. Padova, Gius. Comino, 1730, in-4, pp. XL, leg. cart. epoca. Con vignetta sul tit., 2 testatine, 2 iniz. e 2 finaletti finem inc. in rame; testo latino in car. tondo, corsivo per la traduzione italiana a fronte. Prima traduzione in volgare, elegantemente impressa, di questo componimento poetico dell'Altilio (1440-1501) che fu, come si legge sul front., ''poeta famoso a' tempi del Sannazzaro'', tra i maggiori della corte aragonese di Napoli, accademico pontaniano, amico, oltre che del Sannazaro, di Pontano, Cariteo, Michele Marullo Tarcaniota e Galateo. Esempl. molto bello, a pieni margini. Manca alle varie bibliogr. D.B. It. II, pp. 565-6.
€ 400