SAVONAROLA, Gerolamo

Espositione del Salmo LXXVIIII Qui Regis Israel.

Foglio 1, recto: “Proemio di frate Hieronymo da Ferrara dellordine de / predicatori nella expositione del psalmo lxxviiii. / tradocto in lingua Fiorètina da un suo deuoto familiare” (In fine:) Impresso in Firenze Adi: viii. di Giugno / MCCCCLXXXXVI. (F.Bonaccorsi, 1496),

in-4 (205x143), ff.14 nn., segn a8-b6, carattere romano, leg. antica in cartoncino rigido e carta marmorizz. a fiori. Con due silografie: a f.1 recto Davide inginocchiato in una radura con l'arpa a terra alla sua sinistra (mm 68x47); a f.2 verso "igura a mezzo busto di santo in preghiera incoronato (mm 28x30). Foglio 1, recto: "Proemio di frate Hieronymo da Ferrara dellordine de / predicatori nella expositione del psalmo LXXVIIII. / tradocto in lingua Fiorètina da un suo deuoto familiare". Cfr. Immagini e azione riformatrice, Alinari, 1985 "Con le xilografie degli scritti a stampa savonaroliani assistiamo allo sviluppo creativo di questo nuovo genere artistico... È perciò logico pensare che le xilografie che li accompagnano costituiscano un messaggio della massima importanza ... Probabilmente i primi xilografi provennero da una qualsiasi delle altre arti, dalla pittura come dalla miniatura, dall'oreficeria come dalla scultura ...". Esemplare assai bello di raro incunabulo figurato.

Al di là dell'importanza testuale, ciò che più interessa il libraio, ed il bibliofilo, oltre alla rarità degli incunabuli savonaroliani, da subito bruciati e distrutti, è l'eccezionalità delle illustrazioni in essi contenute, ispirate da artisti celebri quali Baccio Baldini, Sandro Botticelli, Bernardo Cennini, il Perugino e altri contemporanei al filosofo.

AUDIN 127. SANDER 6790. KRISTELLER 388C. GRUYER p.13/14. BMC VI, 675. IGI 8740.
€ 5.800