(ANTIQUITES ROMAINES)

expliquées dans les Mémoires du Comte de B***,

contenant ses avantures, un grand nombre d'histoires et anecdotes du tems très-curieuses, ses recherches et ses découvertes sur les antiquités de la ville de Rome et autres curiosités de l'Italie. Divisés en trois parties, et enrichis de plus de cent belles planches en taille-douce. La Haye, chez Jean Neaulme, 1750, in-4, pp. 8, 355, leg. del tempo p. vitello con riqaudro a filetti oro sui piatti, dorso a nervi con tit. e ricchi fregi oro, tagli marmorizz. Tit. a stampa rossa e nera, iniz. e fregi silogr. Prima edizione di quest'opera di autore anonimo, corredata di varie fig. di medaglie n.t. e 88 tav. f.t. finem. inc. in rame, due delle quali ripieg., desunte, secondo quanto afferma Olschki, dai rami dell'ediz. di Amsterdam 1695 della ''Roma vetus ac recens'' di Alex. Donatus; (il titolo recita ''plus de cent planches'' perché in alcune tav. vi sono due figure e forse si conteggiano anche le incisioni n.t.). Le avventure dell'anonimo autore, per lo più galanti, ''sont assez banales'', mentre di notevole interesse è l'ultima parte, che inizia a pag. 191, dedicata più esplicitamente ai monumenti ed alle memorie di Roma antica. Bell'esempl. Olschki, Choix XI, 16342. Cicognara 3583: «L'opera è piena di garbo, e di spirito, e le stampe non mancano di gusto». Fossati-Bellani 1038. Comune di Roma, Guide antiche, n. 210. Borroni 3170.
€ 680