BOSSI, Benigno

Fisionomie Possibili (parte prima). S.n.t., 1776.

(Legato con:) Raccolta di teste, pensieri e prove d'acqua forte. In Parma, appresso Benigno Bossi, (1776 ca.),

Suite di due serie complete in cartone decorato d'epoca (240x185 mm), astuccio in mezzo marocchino con titolo al dorso. Comprende: I) ''Fisionomie possibili'': 12 tavole numerate in alto a destra precedute dal frontespizio; tiratura pubblicata nel 1776 (ma contenente anche stampe datate 1775) probabilmente da Gioacchino Bettalli e C. a Milano, in Contrada del Cappello, n. 4031. II) ''Raccolta di teste..'' con titolo e 40 incisioni su 37 tavole. Si tratta di 5 scene di genere e di 47 ritratti in cui il Bossi ''...alle teste di maniera, quali di prevalenza venivano prodotte in quegli anni,... volle evidentemente contrapporre le sue teste dal vero, notevoli per la loro icasticità e puntualizzazione espressiva'' (DBIt XIII, pp. 290-293). Queste incisioni vennero stampate più volte nel corso degli anni e variamente riunite, con varianti, in volumi dai titoli diversi (Raccolta di teste inventate,disegnate ed incise da B. B.; Fisionomie possibili; Prove all'Acquaforte; Miscellanea; Trofei, ecc.) per confluire poi nelle ''Opere varie''. Il Bossi (1727-1792) fu incisore, stuccatore e pittore. Formatosi in Germania sotto la guida di Anton Raphael Mengs e Christian Wilhelm Ernst Dietrich, rientrò in Italia nel 1757 prima a Milano poi a Parma al servizio della corte. Ottimo esemplare estremamente fresco.

Alcune incisioni sono0 descritte del bertelà ai nn. 35-108. Le Blanc, I, p. 483, n. 129-140 e n. 64-103.
€ 4.800