BONANNI, Filippo

Gabinetto Armonico pieno d'Istromenti Sonori, indicati e spiegati.

Roma, Stamperia di Giorgio Placho, MDCCXXII (1722), in-4, pp. (16), 177, (1), leg. coeva p. pelle, filetti in oro ai piatti, titolo e fregi in oro al dorso (cuffie e cerniere da restaurare), tagli rossi. Illustrato da 2 antiporta allegorici e 151 splendide tavole di suonatori di strumenti musicali in costumi antichi tipici del paese di provenienza dello strumento, (numerate I-CXLVIII, di cui 2 num. XII-XIII e XIII-XIV; quelle num. XXIX e LXXVIII sono doppie; 2 tav. non num. dopo le pag. 95 e 139; la CIII è spostata a p. 131). Incisioni attribuite al disegno di Stefano Spargioni e al bulino di Arnold van Westerhout, che hanno firmato i due antiporta. Prima edizione della prima documentata descrizione ed illustrazione di tutti gli strumenti musicali conosciuti, dall'antichità al Seicento. Il Bonanni fu dotto gesuita (1638-1725). L'opera descrive inoltre la collezione del Collegio Romano. Le tavole costituiscono un'importante galleria di costumi nazionali; la tav. XXXIII, più volte ripieg., riproduce l'incredibile organo inventato da Michele Todino, conservato nella Galleria armonica di Palzzo Verospi a Roma. Bell'esemplare, completo di tavole, assai raro. Cicognara 1596. Hirsch IV, 1476. De Backer-Sommervogel II, 382.10 Brunet I, 1086 (sole 136 tav.). Lipperheide II, 2000 (ed.1776 con 142 tav.)
€ 8.000