Histoire des Quakers; traduite de l'anglais de Clarkson, et suivie du récit de la réforme operée dans la prison de Newgate, a Londres, par le comité des dames.

Ginevra, Paschoud J.J., 1820,

in-8, pp. (4), xvii, (1), 218, (2) di errata, legatura in carta muta coeva. Prima traduzione francese. L'Autore, britannico e pastore anglicano, scrisse e fu attivo politicamente per l'abolizione della schiavitù, concetto a cui fu introdotto dalla lettura di  Anthony Benezet, un Quacchero originario di Philadelphia (Griggs, p 25). Per anni lavorò a stretto contatto con la comunità quacchera al fine di abolire la schiavitù, in America e in Gran Bretagna, pubblicò panphlet e petizioni al parlamento in questo senso. Il lavoro di Clarkson a stretto contatto con i quaccheri lo portò ad una conversione: nel 1795 rinunciò ai suoi voti religiosi, mentre nel 1806 fu data alle stampe l'opera Portraiture of Quakerism,  che ebbe grande fortuna e di cui la presente edizione è la prima traduzione in francese. Il trattato è una scorrevole ma puntuale fotografia della società quacchera americana di fine XVIII° secolo, che ne descrive imperativi morali, usi, costumi, cerimonie, virtù religiose e pratiche comuni. Buon esemplare, assai fresco e marginoso.

€ 200