SIRI, Vittorio

Il Mercurio overo Historia de' correnti tempi

di D. Vittorio Siri, consigliere, elemosinario, & historiografo della maestà christianissima. In Casale, per Christoforo della Casa, MDCXLIV (Casale Monferrato,1644),

in-4, pp. (20), 853, splendida legatura coeva in pieno vitello biondo, realizzata per Jacques-Auguste II de Thou (1609-1677) con le armi del padre Jacques-Auguste de Thou e della sua seconda moglie, Gasparde de La Chastre: i piatti adorni di doppio ordine di triplice riquadro di filetti e fregi angolari alla "Du Seuil". Al centro armi accoppiate dei De Thou e La Chastre; dorso a 5 nervi con titolo, riquadri in oro e monogramma intrecciato "IAGG", tagli dorati (abili restauri alle cerniere). La bella antiporta allegorica incisa da Giacomo Pecini comprende il ritratto di Gastone di Borbone, dedicatario dell'opera. L'opera del Siri (1608-1685, autore anche de "Il politico soldato monferrino"), è una fedele cronaca degli avvenimenti europei dal 1635 al 1655, e fu pubblicata in 15 volumi, ognuno anche in edizioni diverse, tra il 1644 e il 1682, senza un disegno editoriale organico complessivo. Ad esempio di questo volume esistono due edizioni: la presente con Codice Iccu 84009 e quella, più comune, con codice 44000 e paginazione (16), 748. Pregiata impressione casalese del Seicento, proveniente da una celebre biblioteca privata: J.A. de Thou (1553-1617) fu canonico di Notre-Dame, e Presidente del Parlamento di Parigi (contribuì alla promulgazione dell'Editto di Nantes), storico (scrisse la "Storia del suo tempo" e le sue "Mémoires"). Fu tra i più raffinati bibliofili del suo tempo, raccogliendo oltre 8000 volumi: fece rilegare i suoi volumi fino al 1587 con le proprie armi e il proprio monogramma, dal 1587 al 1602 unendovi le armi della prima moglie e quindi quelle della seconda moglie, Gasparde de La Chastre. La biblioteca era aperta ai letterati, umanisti e studiosi: i figli François Auguste e soprattutto Jacques-Auguste II continuarono ad incrementare la raccolta fino a circa 30.000 volumi. Acquistata poi in blocco da Jean-Jacques Charron che la rivendette al cardinale Armand-Gaston de Rohan ed al nipote Charles, futuro maresciallo di Francia. Solo alla morte di quest'ultimo la biblioteca venne dispersa a fatica, a causa dell'eccessivo numero di libri immessi sul mercato.

Michel & Michel, VII, p. 132-134; S. Piantanida, 631. Cfr. OLIVIER, RELIURES ARMORIÉES, tav. 216: “En dehors de tous ce titres de gloire, le président de Thou tient une place éminente dans l’histoire de la bibliophilie et se classe parmi les plus célèbres amateurs: il avait réuni la plus belle collection de livres de son époque, plus remarquable par le choix des ouvrage..”.
€ 3.200