Ariano Ferrarese -COMPENDIOSA

INFORMAZIONE di fatto sopra i confini della comunità Ferrarese d'Ariano con lo Stato Veneto. 1735.

Volume manoscritto del sec. XVIII, in-4 (mm. 280x200) pp. (3), 153; (6, dei quali 1 frontespizio, 1b., 4 di indice dei documenti), 296, 6 (num.1-3, bianche al verso) contenenti 3 belle tavole topografiche mss. a colori ripieg. f.t, 15 ff., (20b.). Leg. antica tutta tela con titolo su tassello al dorso. Trattasi di copia ms. dell'opera stampata nel 1735 a Bologna, concordemente attribuita ad Eustachio Manfredi di Lugo, morto nel 1739 e i cui manoscritti erano conservati nella biblioteca di Bologna. Il volume tratta della controversia tra lo stato pontificio e la repubblica veneta, causata dai mutamenti del delta, dovuti al fiume Po e causanti la mutazione dei confini tra i due stati. L'opera a stampa è rarissima, poiché si dice, fatta ritirare e distruggere dal Papa Benedetto XIV, in quanto pregiudiziale delle ragioni della Santa Sede verso lo Stato Veneto; come risulta dalla prefazione del manoscritto se ne conosceva una copia completa nella biblioteca comunale di Ferrara e una seconda presso una biblioteca privata di Ariano. Del presente manoscritto ne esisteva una copia presso l'università di Padova, ma priva delle tre tavole a colori. Il volume risulta così diviso: a) ''Compendiosa osservazione...'' pp. 1-153. - b) Raccolta dei documenti citati nella scrittura per parte della Santa Sede, intitolata compendiosa...1735, (6), 296.- c) Tre tavole a colori riproducenti quelle incise da Bolzoni sui disegni di Giovanni Giacomelli perito camerale in Ferrara: 1) Stato antico del Polesine di Ariano in cui trovasi avanti che si stabilissero i due rami del Po di Goro e del Mazzorno o pure delle fornaci alla fine del sec. XII. 2) Stato di mezzo del distretto d'Ariano dopo lo stabilimento del Po verso il taglio di Porto-Viro cioè dell'anno 1500-1600. 3) Stato presente del distretto d'Ariano nell'anno 1735. d) Aggiunta di varie iscrizioni nella chiesa di Ariano (1857), pp. 1-15. Le pp. 1-16 (parte a), 217-222 (parte b), le 3 tavole con relative note e le aggiunte in fine, sono di mano diversa e risalenti al 1857. Manoscritto assai importante per la storia e la topografia di questa zona Ferarrese al Delta del Po. Ben conservato, a parte aloni nei margini.
€ 3.300