FIRENZE, Manoscritto storico:

''Istorie fiorentine dall'anno 1527 all'anno 1557.

Cavate da diversi veridici scrittori che sederno de Sig.ri nella Repubblica di quel tempo...con un indice copioso de nomi e delle cose più notabili che in essa si contengono''. Manoscritto cartaceo dell'inizio del XVIII secolo Volume in-4 (mm. 270x190), vergato in bella e chiara grafia; (4 pp., 1 di titolo, 1 di note), 440 pp., (2b.), (26 pp., delle quali 20 di indice), la pag. 335 è erroneamente num. 334; leg. coeva p. perg. con tit. manoscritto al dorso a nervi. - Il codice è la copia fedele esemplata dall'originale (come dichiarato a p. 335) della storia di Bernardo Segni. Si tratta molto probabilmente di una trascrizione, precedente la stampa avvenuta soltanto nel 1723. Opera di un religioso del convento di S.Agostino di Firenze, come si può ricostruire dalle note al frontespizio, che si preoccupò (pp.335) di copiare il manoscritto originale adattandolo ad un linguaggio più corrente (''levato di però coi propri termini''). Lo stesso religioso ricercò e trascrisse i documenti riportati al fine delle storie, che non fanno parte dell'opera del Segni. Il volume risulta così composto: pag. 1-335 ''La storia di Bernardo Segni storico e diplomatico morto nel 1558 copiata dal suo originale'', p. 336-388 ''Investitura dello stato di Siena...nella persona di Cosimo Medici Duca secondo di Firenze...'', p. 389-394 ''Investitura fatta da Carlo V ad Alessandro De Medici della città e dominio di Firenze (1530)'', p. 395-410 ''Autorità data ad Alessandro De Medici Duca di Firenze da dodici riformatori della citttà deputati sotto li 27 aprile 1532'', p. 411-412 ''Creazione del Duca Cosimo dopo che il dì 6 di gennaio 1536 fu ammazzato il Duca Alessandro'', p. 415-419 ''Investitura di Carlo V a Cosimo De Medici dello Stato di Firenze (1537)'', p. 421-427 ''Gita di Roma del Serenissimo Cosimo de Medic primo granduca di Toscana coronato dalla SS.D.N. Sig. Papa Pio l'anno 1569'', pp. 429-433 ''Privilegio Cesareo nel quale si contiene l'erezione del Gran Ducato di Toscana (1577)'', pp. 433-437 ''Sostanza dei capitoli matrimoniali tra il Principe Cosimo di Toscana e l'Arciduchessa Maria Maddalena d'Austria (1608), PP. 439-440 ''Motivo che ebbe il Granduca nell'erigere la Cappella Reale di S. Lorenzo''.
€ 3.500