SCUDERY, Magdelaine de

L'Artamene overo Ciro il Grande, del Sign. di Svodery (sic).

Portato dal francese dal Sig. Marchese Maiolino Bisaccioni. Venetia, Heredi Storti, 1664, in-12, pp. (12, le prime 2 bianche), 648, leg. coeva piena pergam., titolo ms. al dorso. Fregio sul titolo, alcune testatine ed iniz. silogr. Dedica dello stampatore al nobile napoletano Andrea Genutio. Prima traduzione italiana del vasto romanzo che ebbe grande succeso e molte ristampe. M.me de Scudéry (1607-1701) fu celebre letterata, sorella di Georges, poeta, drammaturgo e romanziere. Il Bisaccioni (Ferrara 11582-Venezia 1663) fu letterato, scrittore eclettico ed elegante traduttore, oltre il presente, di vari romanzi di La Calprenède, Desmarets e Audiguier. Esempl. discreto (lavoro di tarlo nel margine basso delle prime pagine ed in quello alto di 525-555). Brunet V, 250. Graesse VI, 336. Larousse XX s. VI, 260.
€ 200