ALFIERI, Francesco Ferdinando

L'arte di ben maneggiare la Spada.Novamente riveduta, e corretta dal medesimo autore, divisa in due parti con l'aggiunta dello Spadone.

In Padova, per Sebastiano Sardi, MDCLIII (1653),

2 parti in 1 vol. in-8 oblungo, pp. (16) compresi titolo inciso, armi e ritratto del Vidman cui l'opera è dedicata, 168, e 35 tav. (num. 1-19, 21-31, 33-37, ma la numerazione e la segnatura delle pp. risultano continue); leg. moderna in p. pelle, titolo oro al dorso. Splendido titolo inciso entro trofei d'armi. Seconda edizione del trattato dell'Alfieri apparso nel 1640 con il titolo ''La scherma'', una delle migliori opere della bibliografia schermistica. Le 35 figure incise in rame richiamano la maniera viva ed elegante di Callot e sono nettamente superiori a quelle di altre opere dell'epoca. L'Alfieri ''nacque a Padova ove fu, dopo B.Tagliaferro, celebrato maestro d'armi... fu rappresentante insigne della scuola schermistica italiana.'' (D.B.I., II, 269). La presente edizione è del tutto uguale a quella del 1640; il trattato dedicato alla spada a due mani, lo spadone appunto, che è annunciato nel titolo, apparve in realtà a sé con frontespizio separato. Esemplare molto marginoso e fresco. "Alfieri is also the author of works on the management of the pike and the two-handed sword (spadone), and of a very curious one on the effective display and flying of banners".

Gelli pp. 14-15, descrive un esemplare anch'esso privo della sezione dedicata allo Spadone. VIGEANT p. 26. GARCIA DONNELL 15: ''traité artistique, que ses élégantes gravures classent parmi les livres qui intéressent aussi bien le bibliophile que l'escrimeur''. CASTLE, Schools and Masters of Fence, p. xli.

€ 3.700