MASCARDI, Agostino

La Congiura del Conte Gio. Luigi Fieschi descritta

In Anversa,(senza stampatore) l'anno 1629, in-4, pp. (8 compreso frontespizio inciso), 107, (1), raffinata legatura di qualche decennio posteriore in marocchino granata, triplice filettatura ai piatti, titolo e ricchi motivi vegetali al dorso, dentelle interna, il tutto impresso in oro (opera di uno dei più celebri rilegatori francesi del XVIII secolo Antoine-Michel Padeloup (1685-1758), come si evince da piccolo tassello cartaceo coevo applicato al frontespizio "Relié par Padeloup Relieur du Roy, place Sorbonne à Paris"). Bellissimo frontespizio allegorico inciso in rame. Precede il testo la dedica a Ercole Trivulzio. Edizione contemporanea all'originale veneziana e ad una milanese del Bidelli. L'a. narra la congiura ordita dal Fieschi nel 1547 ai danni di Andrea Doria: nella fasi iniziali dell'insurrezione però il Fieschi, cercando di salire su una galea dei Doria, cadde in acqua e annegò, ponendo fine alla congiura. Il Mascardi (1591-1640), nativo di Sarzana, fu cameriere d'onore di papa Urbano VIII, professore di retorica alla Sapienza e membro dell'Accademia degli Umoristi. Magnifico esemplare di illustre provenienza (Beckford Collection), importante fonte documentaria per la storia genovese. Vinciana, 788: ''Rarissima ediz. coeva all'originale''. Brunet, III, 1514. Soprani, p. 7. Gamba, 2004 (note).
€ 1.500