DEL MONTE, Guidobaldo

Le Mechaniche. Tradotte in volgare dal sig. Filippo Pigafetta. Nelle quali si contuiene la vera Dottrina di tutti gli Istrumenti principali de mover pesi grandissimi con picciola forza de mover pesi grandissimi con picciola forza.

In Venetia, appresso Euangelista Deuchino, MDCXV (1615),

in-4, pp. (8), 240 (per errore le pp. 101-108 rilegate dopo p. 244), legatura del XIX secolo in mezza pelle, titolo e fregi oro al dorso, carta marmorizzata ai piatti. Impresa tipogr. sul titolo, nel testo alcune iniziali, ornate e gran numero di nitide incisioni in legno, schematiche e figurative, di meccanica, attrezzi e loro applicazioni pratiche (la bilancia, la leva, la taglia, il cuneo, la vite, etc.). Seconda edizione in lingua italiana di opera assai importante di meccanica pratica (apparsa in latino nel 1577 a Pesaro e in italiano nel 1581). “Questa è la prima opera nella quale siasi cominciato a dedurre rigorosamente dalla geometria i principi della statica e la determinazione dell'effetto delle macchine…grandemente elogiata dal Galileo e, dopo due secoli di progressi, dal Lagrange” (Libri, Histoire…) Ottimo esemplare di opera d'ingegneria e tecnica importante (timbro di antica collezione privata al frontespizio, nota di possesso di “Girolamo Saffi”).

Riccardi, II, col. 179. Montucla, I, 691. Olschki, Choix, n.6440.

€ 2.000