(CHIARI, Pietro)

Lettere contro-critiche scritte dal suo ritiro da Godefrisio Toante (Pietro Chiari) ad un amico in città.

Napoli, Gius. De Bonis, a spese di Dom. Terres, 1751, in-8, pp. 108, legatura coeva in pergamena. Grande emblema con un cervo inseguito da cani con motto ''Donec capiam'' inc. in antiporta. Prima parte (unica pubblicata?) di queste 25 lettere polemiche, apparse per la prima volta a Venezia nel 1745, di vago contenuto morale-filosofico, attribuite al celebre abate Pietro Chiari (Brescia 1712-1785, letterato e commediografo, rivale di Goldoni) soprattuto per assecondare «la moda delle ''Lettere'', stimolato in particolare dallo straordinario successo delle ''Lettere critiche'' di Giuseppe Antonio Costantini» (cfr. Diz. Biogr. Italiani, vol. 24, p. 567) «che in ogni caso documentano bene la temperie letteraria arroventata tipica del secolo» (Diz. Biogr. Ital., vol. 30, p. 301). Bell'esemplare (antico timbro e annotazioni manoscritte al titolo). Lancetti, Psudonimia, p. 131.
€ 400