MORIONDUS, Johannes Bapt.

Monumenta Aquensia.

Adjectae sunt plures alexandrinae ac finitimarum Pedemontanae ditionis provinciarum chartae et chronicae... Montisferrati, Salutiarum, Cevae, Incisae, Boschi, Ponzoni, ac aliorum Aledramicae gentis marchionum origines enucleantibus... Taurini, ex Typogr. Regia, 1789-1790,

2 vol. in-4, pp. XXIII, (37), 728 colonne; pp. 56, 28, 856 colonne; stupende legature coeve in pieno marocchino granata, con artistiche decorazioni (differenti da volume a volume) in oro ai piccoli ferri sui piatti e al dorso a tralci e fiori, bordura a spirale sui piatti, tit. oro al dorso, tagli dor. Fregi e stemmi silografati nel testo. Esemplare di dedica di opera fondamentale per la storia antica civile e diplomatica del Piemonte e Monferrato e per la città di Acqui in particolare, condotta dall'autore sui documenti e codici manoscritti datati dal 1399 al 1699, corredata di indici ed erudite note filologiche. Importante è pure lo studio genealogico sulle famiglie nobili piemontesi potenti nei secoli citati. Assai rara. Magnifico esempl. a pieni margini, conservato nell'artistica legatura torinese del tempo, con decorazione tipica degli artigiani che lavorarono nel settecento alla corte Sabauda (vedi gli studi di Morazzoni e Malaguzzi su tali legature). Ex-libris settecentesco con le armi araldiche di Ant. Maria Corte vescovo di Acqui, dedicatario dell'opera.

Manno II, 6693. Lozzi I, 108, 13, note : ''opera rarissima''.
€ 2.400