TARIFFE GENERALI

TARIFFE GENERALI nelle materie di Giustizia e Dipendenze da osservarsi in tutto lo Stato di Milano riformate e pubblicate l'anno 1753, divise in tre libri.

Milano, Gius. Richino Malatesta, 1753, 3 parti in un vol. in-4, pp. (44), 178; (38, le ult. 2 bb.), 196 (le ult. 2 bb.); (22), 133, (5); leg. mod. m. perg. e ang., tassello in pelle con tit. e fregi oro al dorso. Vignetta inc. sul front. generale, un'inc. allegorica di Marc'Antonio Dal Re, iniziali, testate e finalini inc. Precede epistola dedicatoria al conte Gianluca Pallavicini, Consigliere di Stato e Governatore della Lombardia, da parte di Paolo Emilio Olivazzi, curatore della Raccolta. Trattasi di poderoso, ma preciso, prontuario, in cui viene esattamente specificato ''quanto ognuno dovrà giustamente pagare, o lecitamente essigere''; documento dell'efficienza amministrativa della Lombardia austriaca sotto Maria Teresa. In fine vi sono 52 pp. nn. (non comprese nell'esempl. del Senato) contenenti l'aggiunta di tre Tariffe, emanate da Giuseppe II nel 1788, e concernenti rispettivamente, Tribunali e Giudici, Patrocinatori, Rigattieri e Periti estimatori. Esempl. a pieni margini. Manca ai Cat. Hoepli e Meneghina. Predari 98. Cat. Senato, Statuti Antichi Stati, p. 180-181.
€ 1.100