FRERET, Nicolas

Oeuvres Philosophiques.

Londres, s.t., 1776, 3 parti in un vol. in-8, pp. (4), 443, (5), con numeraz. continua. Legatura del tempo m. pelle, dorso a nervi con tit. e fregi oro, tagli rossi (cerniere deboli). Le parti seconda e terza hanno proprio occhietto. Fregio sul titolo, testatine ed iniz. silogr. Opera apertamente avversa alla religione cristiana, della quale mette in dubbio tutto o quasi; in particolare l'autore in gran parte della trattazione combatte contro la possibilità dei miracoli (''Recherchers sur les Miracles'') così presenti nella religione cristiana. Il nome dell'autore è chiaramente espresso sul frontespizio ed annotato in calce a pag. 185: ''M. Freret, Secretaire perpétuel de l'Académie Royale des Inscriptions & Belles-Lettres, (mort en 1749) un des plus savants hommes de ce siècle'' (cfr. notize biografiche anche in Encicl. Larousse III, 636). Ma il Quérard (Supercheries littéraires II, col. 97-102) discute in maniera ampia, ma oscura, circa l'attribuzione, specie della prima parte intitolata ''Examen critique des Apologistes de la Religion Chrétienne'', affidandola piuttosto ad un certo Levesque de Burigny o a l'abbé Morellet, scomodando anche Voltaire. Buon esempl.
€ 550