CABEI, Giulio Cesare

Ornamenti della Gentil Donna Vedova.

Opera nella quale ordinatamente si tratta di tutte le cose necessarie allo stato vedovile...Venetia, Christ. Zanetti, 1574, in-8, pp. (16), 133, (3, ultime 2 bianche). Legatura coeva p. perg. con unghia. Impresa tipogr. al tit. ed in fine, iniz. e fregi silogr. Lunga lettera-dedicatoria dell'autore alla nobildonna Ginevra Salviati de Baglioni, rimasta vedova. Prima edizione di questo trattato, interessante e molto raro, che dà istruzioni e consigli sui doveri che deve compiere una donna vedova, sul suo comportamento morale, sul modo più consono di vestirsi, sul come amministrare la casa, ecc.; è utile per conoscere usi e costumi della società cinquecentesca nei riguardi della vedovanza femminile. Dell'autore (1530-1622) si sa che era veneziano, originario di Ceneda, e che scrisse anche delle ''Rime'', dedicandole al conte Fulvio Rangoni (cfr.Fontanini-Zeno, Bibl. eloquenza ilta., II, p. 344, n. 2 e nota 2; Cat. Vinciana n. 2354, solo le ''Rime). Compose anche ''Dieci Discorsi'' e ''Vanità di opinione e di fortuna'', pubblicati nei primi decenni del XVII sec. Ottimo esempl. STC 133. Haym (ed. 1771) p. 385, n. 6. Manca all'Adams e ad altre bibliografie consultate, compreso il DBIt.
€ 2.000