Vaud - CODEX DIPLOMATICUS

SABAUDO-SEDUNENSIS. Descriptus ex codice asservato penes.

Manoscritto su carta, della seconda metà del XVIII secolo in-folio (mm 395x245), 1 f. di titolo e 345 pp. numerate in alto a destra, vergate in nitida ed elegante grafia, 5 ff. bianchi. Legatura coeva in mezza pelle e angoli, titolo oro al dorso. Interessante raccolta di trascrizioni di documenti inerenti i paesi del Vallese (Canton de Vaud) contesi tra i Savoia e l'episcopato di Sion. Il manoscritto inizia con la donazione fatta da Umberto III di Savoia di Chages e Chillon a Magnone priore dell'abbazia di Haute-Crêt (Vaud) nel secolo XIII. Seguono varie dispute sulle terre vallesi tra i conti ed i duchi di Savoia, da Amedeo IV ad Emanuele Filiberto, e la diocesi di Sion, sino alle decisioni imperiali di Ferdinando III nel 1624 e nel 1627. Sion nel 1032, quando Rodolfo III di Borgogna concesse il contado al Vescovo Ugo, passò sotto il governo vescovile che durò sino al 1798. I Savoia, con Amedeo VI ed i successori, cercarono più volte di affermare il proprio dominio sul vescovato e più volte assediarono e conquistarono la città di Sion (1352, 1384, 1475), ma solo nel 1798 il generale Lorges riuscì a far cadere il governo vescovile. In ottimo stato. Manoscritto storico elegantemente vergato da unica mano, con ampi margini.
€ 1.400