Idee Pittoresche sopra la fuga in Egitto di Gesù, Maria e Gioseppe. Opera inventata ed incisa da me Gio. Domenico Tiepolo in Corte di detta sua Altezza Reverendissima &&.

(Venezia), Anno 1753

in-folio (cm 54x38,5), ff. 14, leg. coeva in mezza pelle rossa e piatti in carta decorata. Serie completa di24 incisioni precedute da dedica incisa, frontespizio e foglio di titolo. Esemplare eccezionale a fogli interi in quanto compaiono due rami per folgio. I fogli hanno un formato di cm 54x38,5 e recano filigrana A o V e F capovolta. Nitida impressione delle lastre, contrasti marcati, ultimo stato, così come si evince dalle revisionidi Tunick's al catalogo di Rizzi (Italian Prints of the 18th Century, Cat. n. 11, 1981). Si tratta dell'opera più conosciutadi Gian Domenico Tiepolo, uno dei capolavori nella storia dell'incisione Europea. E' probabile che Gian Domenico abbia ideato la maggior parte delle tavole mentre lavorava con ilpadre Giambattista ed il fratello Lorenzo agli affreschi del salone Imperiale di Wurzburg, realizzati in onore di Carl Philipp von Greiffenclau, Principe e Vescovo di Wurzburg. Trattando l'episodio storico come ciclo pittorico, Giandomenico ha descritto la "Fuga in Egitto" mantenendo fissi l'episodio della partenza da Betlemme e quello dell'arrivo in Egitto, ma le tavole intermedie non hanno un ordine di successione preciso. L'idea del viaggio permette a Giandomenico di dare alla Sacra Famiglia, agli Angeli, all'asino e al paesaggio un ruolo in continua evoluzione. "The theme of the 'Holy Family', as Aldo Rizzi observed, "had been rendered sterile by century of use...Giandomenico gave back to the subject a new 'lease' of lyricism" (Rizzi P. 18)

Rizzi, p. 18.
€ 70.000