ORTELIUS (1528-1598), Abraham

Larii Lacus vulgo Comensis & Territorii Romani descrip & Fori Iulii vulgo Friuli Typus –

Anversa, 1570 Tre carte geografiche incise in rame su un foglio (cm. 34,5x48,5 e margini) bella colorazione coeva, abile restauro nella parte inferiore della piega centrale. Tratto dal Theatrum Orbis Terrarum, edizione con testo latino al verso. La carta del lago di Como deriva da quella di Paulus Jovius. Il Theatrum Orbis Terrarum del celebre cartografo olandese Ortelius (Anversa, 2 aprile 1528 - Anversa, 28 giugno 1598) è il primo atlante moderno. Le carte geografiche sono state per lo più elegantemente incise da Frans Hogenberg. Venne pubblicato in numerose edizioni, varie lingue, inclusa un'appendice, pubblicata di tanto in tanto, con le ultime scoperte dell'epoca. L'edizione definitiva apparve nel 1612. A differenza di molti suoi contemporanei, Ortelius aveva annotato le sue fonti di informazioni e nella prima edizione venne fatto riferimento a ottantasette differenti cartografi. A parte le mappe moderne del suo atlante maggiore, Ortelius stesso compilò una serie di mappe storiche conosciute come il Parergon Theatri, pubblicato per la prima volta nel 1579, talvolta come pubblicazione separata, talvolta come parte integrante del Theatrum. Tra il 1570 e il 1612 il Theatrum venne ripubblicato in 42 edizioni con cinque supplementi di testo in Latino, Olandese, Tedesco, Francesce, Spagnolo, Italiano e Inglese.
€ 800