L’Asia divisa ne’ suoi principali stati di nuova projezione.

Incisione in rame di mm 315x400 ed ampi margini, abilmente colorata da mano coeva. Tratta da “Atlante novissimo”. Ottimo esemplare in piano, qualche leggera macchietta nel margine bianco. Antonio Zatta (1775-1797) fu uno dei più importanti editori di carte geografiche del trardo XVIII secolo italiano. La sua opera costituisce un importante punto di passaggio tra la cartografia antica e moderna, più attenta all'accuratezza dei dettagli geografici che all'abbellimento estetico ricco di motivi mitologici o d'invenzione, come era quello dell'epoca precedente. La sua opera

più importante è Atlante novissimo pubblicato tra il 1775 e il 1789.

Nenezia, Antonia Zatta, 1777,

€ 350