Narrazione di un nuovo mostro ritrovato nel mese di Agosto 1818. in una Tartana di Corsari di Cipro e preso da un vascello mercantile inglese dove dentro vi trovarono questo mostro chiamato Ali Agamet del Regno di Cipro.

in-4, pp. 4, "Narrazione di un nuovo Mostro ritrovato in una Tartana di corsari di Cipro e preso da un Vascello mercantile inglese, esso chiamavasi Alì Agamet del Regno di Cipro". La narrazione ci rende noto che un mercantile navigando verso Algeri fu attaccato dalla tartana e dopo un feroce combattimento dove persero la vita 27 marinai inglesi e 19 corsari di Cipro, la tartana fu conquistata e si liberarono 22 cristiani e in totale fecero 38 schiavi e fra questi trovarono il mostro. Mostro che raccontò la sua triste storia. La prima pagina è interamente occupata dall'immagine del mostro Alì Agamet del regno di Cipro. Esso è raffigurato con due facce rivolte in senso opposto, con una lunga e folta barba, 4 gambe e 4 braccia con cui maneggiava una sciabola, uno scudo ed un moschetto. Era tipico dei secoli XVII-XIX scrivere di “fantascienza” per stupire il pubblico, questa narrazione è stata ristampata anche in altri periodi. La prima versione con il titolo Ali Agamet presente ai due estremi del volto del mostro, fu impressa a Venezia, Treviso, Padova, Verona e Brescia, per Giacomo Tarlino nel 1792. La presente versione, impressa nel 1818, presenta il titolo per esteso al verso dell'incisione.

(In fine) Torino, ed in Rimino per Marsoner e Grandi, 1818. (La data si desume dal testo). 

€ 300