Traité des Diamants Et des Perles, Où l'On Considère Leur Importance, On Établit des Règles Certaines Pour En Connoître la Juste Valeur, Et l'On Donne la Vraie Méthode De les Tailler. Ouvrage traduit de l'Anglois, sur la seconde Edition qui a été considérablement augmentée.

Paris, Debure e Tillard, 1753, 

in-8, ( mm 200 x 125) pp.  (8), XXXV, 104, con 10  bellissime tavole incise in fine raffiguranti "Grandeurs des diamants taillés en brillants"; testatina incisa sulla pagina della dedicatoria; legatura coeva in pieno vitello , titolo in oro al dorso, finemente e fittamente ornato in oro con motivo a diamanti. Prima edizione francese del "primo libro libro inglese che descrive come si possono valorizzare i diamanti e le perle in base alla grandezza, o al peso, e le varie modalità di taglio".  La traduzione  venne fatta da Chapotin St. Laurent  sulla seconda edizione inglese del 1751; redatto da un gioielliere inglese questo trattato restò per più di 100 anni punto di riferimento imprescindibile per la valutazione  dei diamanti. Precede il testo  dedica al Principe di Condé, l'opera è divisa in 28 capitoli e tratta della produzione, grandezza, stima, del taglio a brillante e a rosa, della purezza dei diamanti e  di analoghi argomenti per le perle. Esemplare estremamente fresco; al contropiatto ex libris  J.A.  Freilich. 

Quérard Fr. Litt. IV p.223 - Brunet III. p.525 "Ouvrage estimé et qui devient rare". Graesse III, 458. Export licence n. 7451 del 20/02/2018

€ 1.400