SANNAZARO, Iacopo

Arcadia del Sannazaro.

Impresso in Vinegia nelle case d'Alessandro Paganino, nel mese di aprile 1515,

in-24 (mm 103x53), ff. lxxx numerati in basso a destra (segn.: A-K8), legatura posteriore ad imitazione antica, titolo su tassello e fregi oro al dorso, ricca bordura oro ai piatti, tagli dorati. Edizione rara: solo 4 esemplari in biblioteche italiane. Importante è l'annuncio ai lettori posto a pag. lxxix, tra il colophon e l'errata: “Mosso dallo stimolo dell'ardentissimo amore ch'io, Lettori miei, sempre portai e porto alla pubblica utilità , ritrovai questa picciola formetta di novo e bellissimo carattere di letere, le quali alla penna assomigliano… vi annuncio che presto… in questa istessa formicciuola averete tutti i nuovi Poeti Latini meglio assai corretti di quanti sin ora sono stati impressi”. Questa postfazione costituisce un ambizioso programma editoriale molto simile a quelli pubblicati da Aldo pochi anni prima. "In questa innovativa veste, stampò alcuni testi fondamentali della letteratura volgare coeva: Petrarca, gli Asolani di Bembo, l'Arcadia di Sannazaro. È evidente l'ispirazione manuziana dell'operazione, principiata nello stesso anno della morte di Aldo (1515) e imitata nel costume umanistico dell'aggiunta di dediche e testi introduttivi al lettore" (A.Nuovo).Buon esemplare completo, abile restauro all'ultimo foglio.

Catalogo della mostra "Alessandro Paganini tipografo a Toscolano" 2008.

€ 2.800