CONCILIO di Trento

Canones, et Decreta Sacrosanti Oecumenici et generalis Concilii Tridentini.

Sub Paulo III, Iulio III, Pio IIII Pontificibus Max. Rome, P.Manutius, 1564,

in-8, ff. 186, buona legatura coeva in pergamena semifloscia, titolo in inchiostro lungo il dorso. Grande ancora aldina con delfino al titolo e al verso dell'ultimo foglio (identificata U467 in SBN, utilizzata da Paolo dal 1564 al 1569 e poi da Aldo il Giovane fio al 1589. Il secondo f. contiene la dedica di Paolo Manuzio ai lettori. Prima edizione in-8vo dei canoni e decreti del Concilio tridentino (1545-1563) evento epocale per la Cristianità, che ebbe un enorme impatto storico non solo in Italia, ma anche nel resto d'Europa e fu fondamentale perrinsaldare le sorti della Chiesa di Roma e assicurarle la continuità del potere assoluto. Inoltre promosse un nuovoIndice di libri proibiti(1564), più ampio ed aggiornato di quello del 1558, e il manuale delCatechismo tridentino(1566).

Furono stampate tre tirature dell'edizione in folio, e Renouard ne menziona una in-4 e sei in-8vo, mentre UCLA tra quelle piccole soltanto questa (529e) impressa a Venezia e non a Roma da Paolo Manuzio. Questa non è nota a Renouard in quant non contiene laConfirmatio né l'indice.

Con la scomparsa di Andrea d'Asola nel 1528 l'eredità della tipografia aldina passò alle nuove generazioni. Considerata la differenza di età fra gli zii (nati ad inizio anni '80) ed il nipote Paolo (1512) le relazioni resero complicata la gestione delll'attività tipografica. "La corrispondenza di Paolo Manuzio illustra perfettamente le vicende della tipografia negli anni 1533-1560"(Cataldi Palau). Nato tre anni prima della morte del padre, Paolo ebbe una variegata vita ed una lunga attività editoriale, tra Roma, Venezia e anche Bologna.

Questo esemplare, freschissimo, è di notevole interesse per delle annotazioni editoriali di mano strettamente coeva sulle due sguardie anteriori, che in qualche modo riassumono le vicende editoriali dell'opera ("Impressum prius in folio à Pontificis dono mise... Postea in 4to Romaeinde in 8vo Venetiis post per in-16mo Venetiis"), poi trattano altre considerazioni varie riferire ai mesi successivi alla sua uscita ("Alli 8 8bris (15)64 à solenne messa 15 Marco co'l X.mo ...Sig.r l'inservato del Legato s.r Alvisi Ambassatoris /Fu publicato in sec(ond)o Ducal lo editto del Senato /Di 6 ottobre impresso et el doppo disnar à grà ….Di l'osservantia del Concilio Tridentino"). E in ultimo rivelano personaggi e congregazioni che ne ebbero immediatamente (nell'aprile) degli esemplari:"Justinianus: Paulus Veneto priori pratalca/
Misit consimile 30 aprilis (15)64 per via de S.to urba de/Justinianus Paulus Veneto priori pratalca
Misit consimile aprilis (15)64 per via de S.to urba de/Et prius miserat alium Episcopo paphensis Patavii
Eremitis Sti Romualdi in Ruah alium/P(re)sitero sebastiano Bedino/Eremitis in m(onaster)i Corona simul cum indice").

E' estretamente inusuale reperire precise note bibliorafiche cinquecentesche così precise e immediate, relative a complesse vicende editoriali e a personaggi che siano subto entrate in possesso di un esempare di un'edizione. Si può supporre che siano di mano di un libraio o di un tipografo, se non di un membro della tipografia o della famiglia dei Manuzio. In perfette condizioni.

Renouard 190-204:Adams C-2797.Cataldi Palau p. 269-270.

€ 2.200