GIUSEPPE FLAVIO

Dell'Antichità de' Giudei libri XX. Tradotti novamente per Fr. Baldelli - (Legato con, del medesimo:) Della guerra de' Giudei libri VII. Libri due contra Apione...

Vinegia, Gio. et Gio. Paolo Gioliti de' Ferrari, 1583 (1582 sulla seconda opera),

2 oper2 in un vol. in-4, pp. (36), 988; (16), 525, (3); legatura coeva p. pergamena con unghia, tit. oro al dorso. Impresa tipogr. su entrambi i frontesp. ed altra in fine al vol., testatine, iniziali e fregi silogr. Le due opere sono dedicate dal traduttore Francesco Baldelli rispettivamente a Gabriello Tosi, ricco milanese, ed a Niccolò Gaddi. Importante traduzione in volgare dell'opera omnia dello scrittore ebraico del I secolo d.C., ed insostituibile fin verso la fine del XVIII secolo, quando fu nuovamente tradotta da Francesco Angiolini. Oltre i 20 libri della storia degli Ebrei ed i 7 sulla conquista della Galilea da parte di Vespasiano, si trovano in fine i 2 libri costituenti un'appassionata apologia degli Ebrei contro un libello antigiudaico scritto dal maestro alessandrino Apione. Come avverte il Bongi, che registra l'oera sotto l'anno 1581, ''sia dell'uno che dell'altro tomo trovansi copie coll'anno 1582 sul frontespizio, Si citano anche cogli anni 1580 e 1583. Bell'esempl.

Bongi II, pp. 376-8. BMC 361 (solo le ''Antichità''). Nuovo-Coppens p. 504, n. 88. Edit 16 CNCE 27561.-27563. Manca all'Adams.
€ 1.100