BOTERO, Giovanni

Della Ragion di Stato, libri dieci, Con Tre Libri delle Cause della Grandezza e Magnificenza delle Città...

Milano, presso i Gioliti, 1589, 

2 opere in un vol. in-8, pp. (16), 367, perfetta legatura coeva in pergamena floscia, titolo manoscritto lungo il dorso. Impresa tipografica sul titolo, gran numero di grandi iniziali ornate ed istoriate e di testate e finalini xilografici, impresso con grande cura in elegante corsivo. Dedica a stampa dell'autore all'Arcivescovo di Salisburgo Wolf Dietrich von Raitenau; l'opera ''Della grandezza delle città'',che apparve a sé nel 1588 e ne fece conoscere l'autore con grande favore in Italia ed all'estero, inizia a pag. 295; in essa il Boteroper la prima volta una teoria scientifica sulla dislocazione e sull'incremento degli agglomerati urbani, che esprime dettagliate relazioni tra ambiente naturale, risorse economiche e sviluppo demografico. E,"...con ordine quasi matematico insegna come si possa condurre una città a quella grandezza che vagheggia, confermando ogni sua affermazione con un'infinità di esempi, tratti dalla storia dei tutti i popoli del mondo" (cfr. Orsi, pp. 102-3). Prima edizionedei dieci libri della ''Ragion di Stato'', dal De Sanctis definita ''codice dei conservatori'' e da altri ''codice delle Corti d'allora''): Botero combatte le dottrine politiche del Machiavelli, insegnando che la vera ragione di Stato si fonda sull'onestà e la lealtà del Principe. Pregevole e rara edizione di due tra le opere più importanti del grande scrittore piemontese (1543-1617), istruito nel collegio dei Gesuiti a Torino, segretario per otto anni del card. Carlo Borromeo a Milano e poi precettore dei tre figli di Carlo Emanuele di Savoia, Filippo Emanuele, Vittorio Amedeo ed Emanuele Filiberto, per i quali scrisse e pubblicò nel 1600 ''I Prencipi''. Fu autore, tra gli altri delle "Relationi universali".Bellissimo esemplare, marginoso e freschissimo.

Bongi, II, pp. 432-33. Adams B2548. Goldsmiths' 248. Orsi, Saggio bio-bibliogr. di G. Botero, pp. 102-4.Gamba,1271: “Gio. Botero è stato uno de' pochissimi autori del secolo decimosesto che abbiano trattato di politica e di scienze economiche".

€ 3.400