GRAVINA, Vincenzo

Della ragion poetica libri due e Della tragedia libro uno.

Venezia, Angiolo Geremia, 1731,

2 opere in un vol. in-4, pp. (4), 120; (14), 122, (4, le ultime 2 di cat. editor.); leg. pergamena, titolo in oro su tassello al dorso. Nella prima opera, apparsa a Roma nel 1708 e considerata la più importante dell'autore (il Gioberti affermò che l'Italia doveva stimarsi orgogliosa di questo trattato), il Gravina ''tenta di definire la conoscenza fantastica come l'insostituibile momento primitivo della conoscenza: qui egli rivaluta l'allora incompresa poesia di Dante...'' (cfr. Diz. Bompiani, Autori, II, 145). Per il trattato ''Della tragedia'' vedi scheda precedente. Esempl. su carta forte, a pieni margini (alone d'umido nella parte infer. della seconda opera).

Renda-Operti p. 580-1.

€ 250