RELAZIONE ISTORICA

DELLE VERTENZE, che si trovavano pendenti tra la CORTE DI ROMA, e quella del RE DI SARDEGNA, allorché fu assunto al Pontificato Benedetto XIII. Dei Trattati su di esse seguiti...

nel Pontificato di Clemente XII. (Segue la seconda parte:) VOLUME DELLE PROVE E DOCUMENTI allegati nella Relazione...Benedetto XIII e Vittorio Amedeo Re di Sardegna. Torino, Gio. Batt. Valetta, 1731,

Tre parti in un vol. in-4, pp. 83, 1b, 78, 2bb, 204, legatura coeva in piena pelle con dorso a 6 nervi, titoli su tassello e fregi oro al dorso. Importante assieme di esposizione di fatti e raccolta di documenti, il tutto tratto dai mss. del Marchese d'Ormea, sui concordati e sul ripristino dei rapporti tra il Papa Benedetto XIII (Pierfrancesco Orsini) e la Monarchia di Savoia. ''Negli anni 1727-28 Benedetto riuscì ad appianare il dissidio della S. Sede con gli Stati dardi, accordandosi con Vittorio Amedeo II sulle immunità e la giurisdizione ecclesiastica. Si poté così provvedere alla nomina per la sede arcivescovile di Torino, che era vacante dal 1713'' (Encicl. Cattolica, II, p. 1279). Di notevole interesse e pregio storico.

Curiosa variante tipografica suddivisa in 3 parti, che si differenzia da quella suddivisa in due parti (pp. 146; 204), in cui prima ("Relazione Istorica") e seconda parte ("Motivi che giustificano i Concordati di Benedetto XIII col Re di Sardegna") si presentano con numerazione delle pagine consequenziale. Ottimo esemplare. Antica nota di possesso manoscritta alla prima bianca parzialmente illeggibile datata Marzo 1731. 

 

 Encicl. Cattolica, II, p. 1279; Manno-Prom9s, Bibliogr. Stati Sardi, I, 1483.

€ 850