Descrizione del gran serraglio di diversi animali viventi e rarissimi provenienti da tutte le parti del mondo di proprietà di Cesare Masserini.

Pavia, dalla tipografia Bizzoni, 1828,

in-16 (mm 120x92), pp. 51, brossura editoriale giallina con bordure ai piatti, che comprendono titolo all'anteriore e prezzo al posteriore. Edizione originale, rarissima(due soli esemplari in biblioteche italiane). Curiosoopuscolo che descrive nel dettaglio 16 animali esotici esposti nel serraglio di Masserini, vera e propria attrazione per i cittadini della Milano del tempo, tanto che il Foglio d'Annunzj della Gazzetta di Milano, Giovedì 6 dicembre 1827, riportava così la notizia del suo arrivo:Cesare Masserini, ritornato in questa città con un nuovo serraglio di bestie e volatili, memore dell'approvazione già ottenuta nell'anno 1823... con un'altra collezione d'animali feroci... ha l'onore di prevenire che il detto suo nuovo serraglio è in ogni riguardo superiore a qualunque altro veduto in Milano... per la rarità, particolarità, diversa insole degli animali feroci e volatili stranieri di cui è fornita questa sua maneggeria; giacché parte di essa non fu veduta mai, come il Gran Casoar, volatile anfibio e di rara costruzione, dei più grandi al mondo; L'Oncia, animale crudelissimo, la Tigre, il Mandrillo...". Tra gli animali di questo esotico zoo ambulante descritti nell'opera troviamo, accanto al Leone, il Leopardo o il Pellicano, anche "due orsi d'Egitto della più piccola specie", il "Malbrucco" ed i misteriosi "Casoaro" e "Oncia" citati nell'articolo. Raro in queste perfette condizioni.

€ 430