Histoire de Naples et de Sicile

 

Paris, Chez Charles Hulpeau, 1630,

dizione originale in ricca rilegatura coeva alle armi nobiliari di questo testo che narra la storia di Napoli e della Sicilia dal 1040 al 1559. Libro offerto in premio a Pierre Nicolas Victor Bellanger nel 1762 dal Collège de Rouen.

In folio (340 x 223 mm), pp. (VIII) 1066 (12) pp., bella legatura coeva in vitello maculato, triplice filetto dorato con al centro grandi armi araldiche impresse in oro con il motto “Compensat, vindicat, aequat”, titolo in oro al dorso a 5 nervi e 6 quadranti con fregi fitomorfi, tagli rossi. Elaborato frontespizio inciso in rame che raffigura in sette scomparti una battaglia navale al largo di Gaeta, un'eruzione dell'Etna, vedute di Palermo, Napoli e Siracusa, i ritratti a figura intera Roberto il Guiscardo (1015-1085) e Carlo d'Angiò (1226-1285). Inoltre illustrato da 12 ritratti incisi in rame nel testo Bell'esemplare, con piccolo tarlo nel margine interno di alcuni fogli centrali. 

Prima edizione di una storia di Napoli e della Sicilia dal 1040 al 1559. Cone testimoniano annotazioni sulle sguardie e firme sul titolo, il volume fu offerto in premio nel 1762 a Pierre Nicolas Victor Bellanger dal Collegio arcivescovile di Rouen. Lo stemma impresso su entrambi i piatti è quello del Parlamento di Normandia destinato ai premi del Collège: l'allegoria della giustizia con la spada che sostiene il braccio della bilancia, entro una corona d'alloro retta da due leoni. Applicato alla sguardia è il modulo prestampato e compilato a penna che attribuisce il premio.

(Galleria di tarlo al margine interno che poi si estende a due parole di ogni pagina da p. 287 a p. 352, qualche altro piccolo di tarlo, qualche macchia).

€ 1.600