MARLIANUS, Bartholomaeus.

Urbis Romae Topographiaad Franciscum regem Gallorum eiusdem urbis liberatorem invictum..

(In fine:) Romae, in aedibus Valerii, dorici & Aloisii fratris, mense Septembris MDXLIIII (1544),

in-folio (310x210 mm), ff. 6, pp. 122, 1 f. con grande impresa tipografica, registro e colophon; bella legatura coeva in pergamena floscia; entro astuccio moderno in tela, tassello granata al dorso. Carattere corsivo, grandi iniziali istoriate. Illustrato da 23 silografie di vari formati riproducenti piante, monumenti, rilievi, inclusa la grande pianta di Roma su doppio foglio firmata dal celebre calligrafo G.B. Palatino, autore di altre illustrazioni del libro. Prima edizione illustrata di questa celebre opera di topografia e archeologia di Roma imperiale, col testo ampiamente rivisto (rispetto alla prima edizione in formato in ottavo e senza figure, pubblicata da Ant. Blado nel 1534). Il foglio 2 contiene la dedica a Francesco I Re di Francia (che in altra tiratura con alcune varianti, sarà sostituita dalla dedica a ''Catelanus Trivultius''). Stupendamente impressa con il bellissimo carattere corsivo dei fratelli bresciani Dorico,costituisce il fondamento per le altre opere successive sull'argomento. Riporta la prima raffigurazione in un libro del gruppo scultoreo del Laocoonte, benché sia citato un rame di Marco Dente del 1523. Il capolavoro venne ritrovato nel 1506 nella Domus Aurea; all'enorme scavo assistettero di persona Michelangelo e Giuliano da Sangallo, inviati dal papa a controllare il ritrovamento. Eccezionale esemplare, fresco e marginoso su carta crocchiante.

“The handsomely illustrated statues of the ‘Lupa Capitolina' and the Laocöon are remarkable, this depiction being ‘one of the earliest known”. Fowler 189. Cicognara 3778. Mortimer, Harvard Cat. 284. Schudt 605. Olschki, Choix XI, 17512. Schlosser 601.

€ 13.000
best replica watches websites