PORZIO, Simone

De Coloribus Oculorum. Simonis Portii Neapolitani.

Florentiae, apud Laurentium Torrentinum, 1550,

in-4, pp. 58 (ultima bianca), magnifica leg. settecentesca in p. marocchino granata con riquadro a triplice filetto oro sui piatti, titolo e decoraz. in oro al dorso, tagli dor., dentelle int. Dedica dell'autore al card. Ercole Gonzaga, due grandi iniziali silogr. figurate, testo in car. corsivo. Prima edizione di questo prezioso e raro trattato sul colore degli occhi ed uno dei primi in assoluto che si occupi di oftalmologia, tradotto in italiano da G. B. Gelli l'anno seguente. Composto a complemento medico erudito di una precedente opera sui colori ("De coloribus libellus"), il trattato del Porzio (1497-1554, medico e filosofo napoletano, allievo del materialista Pomponazzi e professore a Pisa) discute anche le opinioni di Aristotele e di Galeno. "One of the earliest monographs on ophthalmology in which the author attempts to explain the cause of the varieties of colors of eyes. The position of the eyes and the opinions of Aristotle and Galen on the structure of the eye are also discussed" (Albert-Norton-Huertes, n. 1838). Bellissimo esemplare.

Moreni, Annali di Torrentino, p. 122: ''... Il Toppi , biblioteca Napoletana pag. 285 non rammenta l'epoca di questa edizione, perché forse fin d'allora era, come la è adesso, assai rara...». Wellcome I, 5218. Durling 3472. Osler 3725. Becker Collection 303.
€ 2.900