CAVALCA, Domenico

Frutti della lingua. (Legato con:) Specchio di Croce.

Firenze (Bartolomeo dei Libri, 1494),

2 opere in 1 vol. in-4, ff. 142 n.n.; 98 n.n., legatura del XVIII secolo in pergamena rigida, titolo in oro al dorso. Seconda edizione dei Frutti della lingua, apparsi per la prima volta l'anno precedente (Firenze, Morgiani 1493). Al titolo grande silografia (mm 97x87) ambientata in un chiostro con sulla sinistra due frati domenicani in atto di predicare ad un gruppo di monache sulla destra. Cavalca compose i Frutti della lingua dopo il 1433, divise il suo trattato in tre parti (orazione, predicazione, confessione) e lo concepì come un'appendice al ''Pungilingua''. (Legato con:) D. Cavalca. Lo Specchio di Croce. Al recto del titolo silografia con Crocifissione (mm 99x85), con la Vergine, San Giovanni e la Maddalena, al verso è impressa la medesima scena che è sul titolo dei Frutti della lingua che precede. L'opera del Cavalca, apparsa a partire dal 1476 ca., conobbe numerose ristampe nel XV secolo. Importante assieme di due tra i più celebri testi in volgare del predicatore domenicano (1270 ca. - 1342), superbamente illustrati da due grandi silografie. Buon esemplare, usuali fioriture della carta (restauro angolo superiore del primo f. fascicolo d dello Specchio). Provenienze: nota di possesso e qualche rara sottolineatura di ''Melchior Magius C.A.C 1721'' (Cavaliere di S. Stefano, consigliere di papa Clemente XII in qualità di Canonico della Basilica Vaticana. In fine si legge una nota di possesso di mano coeva ''Di me Galeazzo Burnio (o Bornio) e degli amici miei''.

1) Cat. Martini 119. Goff C332. IGI 2625. Sander 1849. BMC VI 658. Gamba 311. Zambrini 251. 2) Cat. Martini 119 e 122. Gamba 305, nota. Sander 1856. IGI 2649. Manca a BMC.
€ 30.000