(TROIANO)

Il qual tratta la destruttione de Troia.

Per amor di Helena Greca, laqual fu tolta da Paris Troiano al Re Menelao. E come per tal destruttione fu edificata Roma, Padova, e Verona, e molte altre Cittade in Italia...Con molte altre diverse Historie da molti Auttori descritte. Venezia, appresso Giovanni Antonio Troiano, 1626, in-16, pp. 110 n.n., leg. in carta. Bella vignetta al tit. con scena di battaglia, 20 piccoli legni inseriti come testatine n.t. Edizione seicentesca del curioso poema in venti canti in ottava rima riguardante la distruzione di Troia e la successiva edificazione di città in Italia da parte di Enea e della sua stirpe. L'opera, di autore ignoto, è tradizionalmente attribuita al fiorentino Jacopo di Carlo, editore della prima edizione risalente al 1491. Brunet tuttavia ritiene più probabile che il nome dell'autore si debba ricercare nell'acrostico inserito nelle ultime tre stanze del poema ''Angilus Johannes Franci ad Andream F.''. Il piccolissimo carattere tondo del testo, nonché la grossolana impressione di alcuni dei legni piccoli rendono, loro malgrado, fascinoso questo rarissimo libretto. Note di possesso lavate al titolo, un foglio mal stampato per falla della carta. Brunet V, 964-965. Manca a Vinciana, Michel- Michel, Angeleri.
€ 2.000