ARIOSTO, Lodovico

Orlando Furioso ornato di varie figure, con alcune stanze del medesimo nuouamente aggiunte... et nel fine una breve espositione et tavola di tutto quello che nell'opera si contiene.

Vinegia, Gabriel Giolito de Ferrari, MDXLVII (1547),

2 parti in un vol. in-4, ff. 264, (30), magnifica leg. coeva piena pergamena, con unghia, decorata in oro da riquadro a filetto sui piatti e fleuron in oro al centro dei medesimi, tit. e fregi oro al dorso, tagli dorati. Titolo generale racchiuso da bordura silogr. a motivo architettonico con figure ed impresa di Giolito, 47 figure silografiche su un quarto di pagina, una all'inizio di ciascun canto e delle ''Stanze'', numerose grandi iniziali istoriate; frontesp. a sé per la ''Espositione'' con impresa tipogr. giolitina, ritr. dell'Ariosto in ovale al verso, altra impresa tipogr. in fine. I legni ed il ritratto, tratti da Tiziano, vennero usati per la prima volta dal Giolito nell'ediz. 1542 e furono copiati spesso dai vari stampatori di Venezia, Firenze, Lione e Parigi. Bellissimo esemplare di rara e pregiata edizione del Furioso.

Agnelli-Ravegnani p. 76. Guidi p. 50. Bongi I, 144.
€ 5.800