GIRALDI CINTHIO, Giov. Battista

Hecatommithi, overo Cento Novelle...

Nelle quali, oltre le dilettevoli materie, si conoscono moralità utilissime...Di nuovo rivedute, corrette, & riformate in questa terza impressione. Potendosi da esse, con facilità, apprendere il vero modo di scrivere Toscano. Parte prima (e seconda). Vinegia, appresso Enea de Alaris, 1574,

2 vol. in-4, ff. (8), 251, (1 bianco, mancante); 232, (8); stupenda legatura d'amatore del XIX sec. in p. marocchino verde con larga elegante bordura oro ai piccoli ferri sui piatti, dorsi a nervi con tit. e fregi oro, dentelle int., tagli dor. Impresa tipogr. sui frontesp., iniz. silogr., testo in car. corsivo, note a stampa nel margine in car. rom. Dedica dello stampatore a Giovanni Finetti. Terza edizione (dopo la prima del Torrentino, impressa a Mondovì nel 1565, e la seconda dello Scoto, apparsa a Venezia l'anno successivo), postuma (il Giraldi, nato a Ferrara nel 1504, era morto il 30 dic. 1573), contenente in più, in fine al secondo vol., il ''Capitolo dell'Autore intorno agli uomini e donne illustri del tempo suo'' (Gamba). L'edizione è tanto più rara in quanto una delle pochissime opere impresse da Enea de Alaris da solo nel triennio 1573-5, prima di unirsi agli eredi Sessa. Celeberrima raccolta di novelle, che ricalca vagamente la struttura del Decamerone. Le novelle sono distribuite in dieci "deche", ciascuna preceduta da una dedica a vari personaggi, molti dei quali piemontesi. Una brigata di novellatori e novellatrici, che fuggono per mezzo di una nave da Roma a Marsiglia, a causa del sacco delle soldatesche di Carlo V, per distrarsi passono il tempo narrando vari racconti. Com'è noto, si tratta di un'importantissima fonte per il teatro di Shakespeare: due di queste novelle ispirarono le trame di "Otello", di "Misura per Misura", e della "Notte dell'Epifania". Benché considerata per lungo tempo un esempio di letteratura controriformista, l'opera fu messa all'Indice nel 1580; ed è recente la sua rivalutazione critica per l'originalità nell'ambito dei canoni novellistici cinquecenteschi. Esempl. magnifico, impeccabile.

Manca a Papanti. Gamba, Novelle ital., p. 120-1: ''E' eseguita con qualche diligenza ed eleganza, ed è certamente migliore di tutte le susseguenti''. Passano p. 354-5. Borromeo p. 29. BMC 305. Adams G-706.
€ 1.900