ARNALDI, Enea

Idea di un Teatro nelle principali sue parti simile a' teatri antichi all'uso moderno accomodato

del conte E. A. accademico olimpico. Con due discorsi: l'uno che versa intorno a' Teatri in generale, riguardo solo al Coperto della Scena esteriore, l'altro intorno al Soffitto di quella del Teatro Olimpico di Vicenza, opera dell'Insigne Andrea Palladio. Vicenza, appresso Antonio Veronese, 1762,

in-4, pp. (4), XXXII-82-(2), 58; leg. 800esca m.pelle, titolo su tassello e fregi in oro al dorso (cerniere deboli, restauro alla cuffia inf.). Con 6 tavole f.t. incise in rame, più volte ripiegate e, nel testo, testatine, vignette, finalini, capilettera in silografia. Dedica a F.O. Magnocavallo, Conte di Avarengo e Signore di Monromeo. Prima edizione dell'opera maggiore dell'Arnaldi (Vicenza 1716-1794); ideata nel 1749 quando si accese la polemica intorno al teatro Filarmonico di Verona, distrutto da un incendio. Nella prima parte l'a. suggerisce un teatro ideale di tipo secentesco; la sala è a pianta semicircolare contornata da 5 ordini di palchi; nella polemica per la copertura della sala olimpica l'Arnaldi difese il progetto palladiano di una copertura a cassettoni. Esempl. internamente freschissimo ed a pieni margini. Abile ricostruzione alla parte inferiore del dorso.

Berlin Kat. 2790. Wolfheim II, 909. Cicognara 749-50, segnala un'edizione del 1733, impossibile essendo l'autore nato nel 1716. Non in Fowler. Choix d'Olschki 10126.
€ 1.400