BIRINGUCCIO, Vannuccio

Pirotechnia nella quale si tratta non solo della diversità delle minere, ma ancho di quanto si ricerca alla pratica di esse.

E di quanto s'appartiene all'arte della fusione, o getto, de metalli. Far campane, arteglierie, fuochi artificiali...Nuovamente corretta, et ristampata. Venetia, Gir. Giglio, 1558 (in fine 1559),

in-8 gr., ff. 345, (7), leg. coeva p. perg. Marca tip. sul tit., car. corsivo, iniz. silogr. Proemio dedicato dall'a. a Bernardino Moncellese da Salò. Nel testo 84 figure silogr. di grande interesse riproducenti strumenti e fasi della fusione dei metalli, fornaci, alambicchi, campane, armi, ecc. Pregevolissima terza edizione (la prima apparve nel 1540) della più attraente opera di tecnologia pratica del XVI secolo, la prima e più celebre sulla metallurgia e mineralogia, la lavorazione a fuoco, con riferimenti anche all'alchimia. Biringuccio (nato a Siena nel 1480 e morto a Roma nel 1537), grande amico di Ben. Varchi, si occupò della costruzione di fornaci e mantici, della direzione di miniere e della fabbricazione di artiglierie in varie parti d'Italia. (Esemplare con qualche arrossatura e non grande di margini).

STC 106. Hoover Coll. 129 (I ed.): «...one of the classics in the history of science and technology». Duveen 79: «famous book on metallurgy and mining, containing interesting chapters on alchemy and illustrated by very fine woodcuts». Mieli, Scienziati ital. I, pp. 20-24: «Il trattato di Biringuccio si può qualificare come la prima opera organica relativa a tutto un gruppo di scienze applicate che sia stata pubblicata nel Rinascimento». Per ulteriori notizie bio-bibliogr. cfr. Diz. Biogr. Ital. X, 625-631. Govi, Classici, 72 (ed. 1540).
€ 4.500